Qatar 2022: Gruppo B, la guida completa

Tutto quello che c'è da sapere sul Gruppo B

0 Shares

Il gruppo B formato da Inghilterra, Stati Uniti, Galles e Iran è quello che potrebbe riservare qualche sorpresa. Dopo l’Europeo perso a Luglio 2021 contro l’Italia ai rigori, l’Inghilterra partirà più agguerita che mai con l’intento già di vincere il girone. Sulla carta è favorita ma nel calcio può succedere di tutto con la rosa degli Stati Uniti piena di giovani promettenti pronta a mettergli il bastone tra le ruote. La squadra di Southgate non viene da un bel momento, nel giro di un anno e mezzo è infatti passata dall’essere vice Campione d’Europa a ritrovarsi ultima e retrocessa nel gruppo di Nations League insieme a Italia, Germania e Ungheria. Per gli inglesi sarà fondamentale partire con il piede giusto nella speranza di andare il più avanti possibile e riuscire a trionfare portando a casa quella coppa che ormai manca da troppo tempo. Dopo il primo e unico Mondiale conquistato nel 1966 e la semifinale raggiunta 4 anni fa, sarà la volta buona questa e poi riuscirà Kane a vincere il primo trofeo della sua carriera? Ma soprattutto gli inglesi con la Premier League abituati atleticamente ad avere un calendario fitto nel mese di Novembre e con il Mondiale per la prima volta a campionato in corso riusciranno a saper gestire le energie e a trarne “vantaggio” rispetto alle altre?

La formazione tipo del tecnico nato a Watford che dovrà fare a meno dell’infortunato Reece James, generalmente varia da 4-2-3-1 a 3-4-2-1 con un irremovibile Harry Kane in attacco affiancato generalmente da Sterling e Foden, passando per il centrocampo con Rice, Mount, Bellingham e Philips, in porta l’insostitituibile Pickford mentre Shaw, Stones e Maguire a completare il reparto difensivo. Quest’ultimo preso di mira dai tifosi inglesi per qualche sbavatura di troppo vista in campo ma con la piena fiducia del tecnico Southgate. Per scoprire l’11 definitivo che scenderà in campo l’appuntamento è fissato per Lunedì 21 Novembre ore 14.00 con la prima partita che aprirà il girone B dove vede l’Inghilterra impegnata contro l’Iran. 

Per quanto riguarda gli Stati Uniti come citato in precedenza è la Nazionale che potrebbe rivelarsi la sorpresa di questi Mondiali pur essendosi qualificata per il rotto della cuffia con la differenza reti a favore rispetto alla Costa Rica. Dopo la mancata qualificazione ai Mondiale del 2018, i campioni in carica della Gold Cup sono chiamati alla riscossa. Gli statunitensi dopo il terzo posto ottenuto alla fondazione del Mondiale nel lontano 1930, non sono più riusciti ad andare oltre i quarti di finali mancando la qualificazione ben 10 volte su 20.  Adesso però avendo in rosa giovani di spicco conosciuti nel panorama europeo come Pulisic nonchè capitano, McKennie, Dest e Weah riusciranno a scrivere la storia? Appuntamento a Lunedì 21 Novembre ore 20.00 con gli Stati Uniti pronti a sfidare il Galles.

Se l’Inghilterra è la Nazionale di spicco e gli Stati Uniti la sorpresa, con due posti disponibli su 4 il Galles dall’aria del terzo incomodo è pronto a giocarsela fino alla fine. Dopo essersi sudato e guadagnato la qualificazione passando dai Play Off battendo Austria e Ucraina grazie a uno strepitoso Gareth Bale, i gallesi capitanati da quest’ultimo sono pronti a dare il massimo. Considerando il dato negativo dei Mondiali con il Galles assente dalla competizione dal 1958 dove quella volta raggiunse i quarti, riuscirà a passare i gironi dopo ben 64 anni? Su tutti Ben Davies, Daniel James, lo spezzino Ampadu e l’ex Juve Aaron Ramsey che in Nazionale si è sempre rivelato un punto fermo, proveranno ad andare il più avanti possibile insieme al Capitano e stella Gareth Bale probabilmente alla sua ultima apparizione alla coppa del mondo vista l’età (33 anni). 

Per concludere la tanto e polemica partecipazione dell’Iran oggetto di discussione per molti mesi per questioni politiche, è pronta a scendere in campo. Sulla carta la Nazionale iraniana è vista come ultima in classifica ma attenzione all’asso della manica Mehdi Taremi giocatore del Porto che davanti potrebbe creare qualche problema agli avversari. Nei precedenti l’Iran si è sempre fermata al primo turno ma con il girone di qualificazione vinto a 25 pt a +2 dalla Corea del Sud di Son, sarà questa la volta buona e raggiungere per la prima volta nella storia gli ottavi di finale? 

Qatar 2022, il calendario completo del Gruppo B:

Lunedì 21 novembre
Inghilterra-Iran (Gruppo B): ore 14, Khalifa International Stadium, Doha)
Stati Uniti-Galles (Gruppo B): ore 20, Ahmad bin Ali Stadium (Ar Rayyan)

Venerdì 25 novembre
Galles-Iran (Gruppo B): ore 11, Ahmad bin Ali Stadium (Ar Rayyan)
Inghilterra-Stati Uniti (Gruppo B), ore 20, Al Bayt Stadium (Al Khor)

Martedì 29 novembre
Galles-Inghilterra (Gruppo B): ore 20, Ahmad bin Ali Stadium (Ar Rayyan)
Iran-Stati Uniti (Gruppo B): ore 20, Al Thumama Stadium (Doha)

Qatar 2022, le rose del Gruppo B:

Inghilterra

Portieri: Pickford (Everton), Pope (Newcastle), Ramsdale (Arsenal).

Difensori: Alexander-Arnold (Liverpool), Coady (Everton), Dier (Tottenham), Maguire (Manchester United), Shaw (Manchester United), Stones (Manchester City), Trippier (Newcastle), Walker (Manchester City), White (Arsenal).

Centrocampisti: Bellingham (Borussia Dortmund), Gallagher (Chelsea), Henderson (Liverpool), Mount (Chelsea), Phillips (Manchester City), Rice (West Ham).

Attaccanti: Foden (Manchester City), Greaslish (Manchester City), Kane (Tottenham), Maddison (Leicester), Rashford (Manchester United), Saka (Arsenal), Sterling (Manchester City), Wilson (Newcastle).

Iran

Portieri: Alireza Beiranvand (Persepolis), Amir Abedzadeh (Ponferradina), Hossein Hosseini (Esteghlal), Mohammad Reza Akhbari (Tractor), Payam Niazmand (Sepahan);

Difensori: Ehsan Hajsafi (AEK Atene), Morteza Pouraliganji (Persepolis), Ramin Rezaeian (Sepahan), Milad Mohammadi (AEK Atene), Hossein Kanaanizadegan (Al-Ahli), Shojae Khalilzadeh (Al-Ahli), Sadegh Moharrami (Dinamo Zagabria), Rouzbeh Cheshmi (Esteghlal), Majid Hosseini (Kayserispor), Omid Noorafkan (Sepahan), Abolfazl Jalali (Esteghlal), Saman Fallah (Paykan);

Centrocampisti: Vahid Amiri (Persepolis), Alireza Jahanbakhsh (Feyenoord), Omid Ebrahimi (Al-Wakraha), Saeid Ezatolahi (Vejle), Mehdi Torabi (Persepolis), Saman Ghoddos (Brentford), Ali Gholizadeh (Charleroi), Ahmad Nourollahi (Shabab Al-Ahli), Ali Karimi (Kayserispor), Milad Sarlak (Persepolis);

Attaccanti: Karim Ansarifard (Omonia), Sardar Azmoun (Bayer Leverkusen), Mehdi Taremi (Porto).

Usa

Portieri: Turner (Arsenal), Johnson (New York City), Horvath (Luton Town);

Difensori: Carter-Vickers (Celtic), Long (New York Red Bulls), Zimmerman (Nashville), Ream (Fulham), Dest (Milan), Moore (Nashville), Robinson (Fulham), Scally (Borussia Moenchengladbach), Yedlin (Inter Miami);

Centrocampisti: Adams (Leeds), Acosta (Los Angeles FC), McKennie (Juventus), Musah (Valencia), Aaronson (Leeds), de la Torre (Celta Vigo), Roldan (Seattle Sounders);

Attaccanti: Pulisic (Chelsea), Reyna (Borussia Dortmund), Weah (Lille), Morris (Seattle Sounders) Ferreira (Dallas), Sargent (Norwich), Wright (Antaliaspor).

Galles

Portieri: Hennessey (Nottingham Forest), Ward (Leicester City), Davies (Sheffield United)

Difensori: Davies (Tottenham Hotspur), Cabango (Swansea City), Lockyer (Luton Town), Rodon (Rennes), Mepham (Afc Bournemouth), Ampadu (Spezia), Gunter (Afc Wimbledon), Williams (Nottingham Forest), Roberts (Burnley)

Centrocampisti: Thomas (Huddersfield Town), Allen (Swansea City), Smith (Mk Dons), Levitt (Dundee United), Wilson (Fulham), Morrell (Portsmouth), Williams (Swindon Town), Ramsey (Nice), Colwill (Cardiff City);

Attaccanti: Bale (Los Angeles Fc), Moore (Afc Bournemouth), Harris (Cardiff City), Johnson (Nottingham Forest), James (Fulham)

Avatar
Ludovica Licitra

Champions League