Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Fred-Paulinho, il Brasile vola in finale. All’Uruguay non basta Cavani

I verdeoro battono un ottimo Uruguay 2-1, con una rete in extremis del centrocampista del Corinthians. Non basta Cavani alla Celeste, che aveva pareggiato il gol dell’attaccante della Fluminense.

Brazil v Uruguay 2-1
Brazil v Uruguay 2-1

Il Brasile centra una storica tripletta. Per la prima volta nella Confederations una squadra conquista tre finali di fila. E puo’ alzare il suo terzo trofeo di fila, il quarto in assoluto dopo quello del ’97. Brasile che parte non come al solito, e la prima emozione arriva dopo un quarto d’ora: da un innocuo calcio d’angolo Luiz strattona ingenuamente David Luiz, l’arbitro non ha dubbi e assegna il rigore. Forlan si presenta sul dischetto ma Julio Cesar, lo ipnotizza e riesce a deviare in angolo con la punta delle dita il suo destro angolato. Al 41′ da un lancio lungo di Paulinho per Neymar arriva il vantaggio verdeoro: il fuoriclasse del Barca di esterno destro cerca il tocco morbido di esterno, ma Muslera respinge. Il pallone arriva pero’ in mezzo all’area dove Fred d’esterno destro di controbalzo infila il pallone nell’angolo alla sinistra.

Ma il vantaggio verdeoro non dura molto: dopo appena tre minuti della ripresa Cavani si sblocca indovinando di sinistro l’angolo giusto dopo un batti e ribatti in area e una respinta corta di Thiago Silva. Al 20′ rischia ancora la seleçao per un colpo di testa di Suarez deviato in angolo da Thiago Silva. Ma col passare dei minuti il Brasile sale in cattedra e comincia a regalare gioco e emozioni, anche grazie all’ingresso in campo del talento Bernard (al posto di Hulk). Al 33′ l’Uruguay però va vicino al 2-1: ancora Cavani salta in dribbling Hernanes, ma il suo tiro e’ deviato da Luiz Gustavo ed esce di un niente a portiere battuto. Nel finale però il colpo di scena. Al minuto 86, su un corner battuto da Neymar, Muslera esce malissimo e Paulinho trova lo stacco giusto per siglare il 2-1 definitivo.

Potrebbe interessarti