Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Intervista ESCLUSIVA al CT del San Marino Giampaolo Mazza

di Davide PITEO

Contro l’Italia il San Marino non solo gioca per vincere ma spera nel colpaccio parola di mister Mazza.

Giampaolo Mazza
Giampaolo Mazza

Conclusa la stagione regolamentare con la vittoria dello scudetto da parte della Juventus e della Coppa Italia da parte della Lazio, l’attenzione dei tanti appassionati calcistici si sposterà sui vari eventi internazionali che faranno da corredo all’estate italiana. Ad aprire la lunga estate calcistica ci penserà il test amichevole tra Italia e San Marino, gara dalla quale il C.T. azzurro vorrà delle risposte in vista del match in Repubblica Ceca valido per le qualificazioni ai mondiali del prossimo anno, ma soprattutto in vista della tanto attesa Confederetion Cup, autentico giro di prova prima del Mondiale.
Discorso diverso in casa del San Marino dove non solo c’è grande attesa e rispetto per l’amichevole contro gli azzurri, ma soprattutto c’è tanta voglia di far bene e magari raggiungere proprio contro l’Italia la tanto sognata ed agognata prima storica vittoria. La conferma di ciò giunge direttamente dalla voce del C.T. della Nazionale di San Marino, ossia Giampaolo Mazza che da 16 lunghi anni siede sulla panchina della Repubblica e che, attraverso le nostre pagine non solo ha aperto la strada che conduce all’ imminente amichevole, ma ci ha permesso di poter dare uno sguardo più da vicino al calcio di San Marino.

La chiacchierata con mister Mazza comincia proprio dal prossimo match contro gli azzurri :“Dopo molti anni torniamo a giocare contro l’Italia, visto che l’ultima partita giocata risale al 92, infatti mai nelle qualificazioni per gli Europei e Mondiali è capitato di essere nello stesso girone, quindi per noi è una grande soddisfazione giocare contro gli azzurri dato che tifiamo tutti per l’Italia”.

Cosi lo stesso tecnico ci illustra che genere di match sarà quello contro l’Italia e come sarà affrontato dalla sua nazionale “Sarà senza dubbio una partita vera da parte nostra, anche perché non facciamo distinzioni tra amichevoli e partite ufficiali. Troveremo sicuramente una squadra concentrata visto che dovrà giocare una partita importante in Repubblica Ceca, in cui  potrebbe conquistare la qualificazione ai Mondiali, e qualche giorno più tardi partirà per il Brasile  per disputare la Confederetion Cup. Quindi incontreremo una squadra concentrata, senza dubbio  sarà una partita vera. Avere la fortuna di poter giocare contro giocatori che sono anche idoli, per molti dei miei ragazzi sarà una cosa molto piacevole. Però bisogna anche dire che siamo abbastanza abituati a questo genere di partite avendo giocato contro le grandi d’Europa, come avvenuto con l’Inghilterra, che abbiamo affrontato a Wembley davanti a novantamila spettatori. Siamo abbastanza preparati però giocare contro l’Italia, sarà un motivo d’orgoglio, ci stiamo allenando già da diverse settimane con un buon gruppo di ragazzi, stiamo preparando la partita come facciamo sempre, pur  essendo dilettanti viviamo questi momenti con le stesse particolarità dei professionisti”.

Cosi con il tecnico della Nazionale di San Marino il discorso vira sul quello che attualmente è lo stato del calcio della Repubblica “ Il nostro calcio è molto distante da quello professionistico, purtroppo non abbiamo molti professionisti,tranne Palazzi impegnato con il Rimini, mentre tutti gli altri ragazzi giocano tra Eccellenza, Promozione e nel campionato nazionale, però senza dubbio la voglia di far bene può essere la nostra arma in più per far bene. Il calcio di San Marino in questo momento ha enormi possibilità, abbiamo diverse nazionali come l’Under 21, che partecipa alle manifestazioni UEFA, il vincitore del campionato nazionale partecipa ai preliminari di Champions League, il vincitore della coppa Nazionale  prende parte ai preliminare della Europa League, cosi come la finalista del campionato, ciò ogni anno ci consente di avere  tre squadre che partecipano a Champions League ed Europa League. La cosa che ci manca sono i numeri, siamo uno Stato di appena trentaduemila abitanti e possiamo attingere su pochi numeri, quindi la possibilità di avere giocatori di qualità viene a mancare proprio per una mancanza di numeri, mi auguro che in futuro lavorando bene sui giovani si possa cresce ma credo che più tanto non si possa fare”.

Dopo averci illustrato lo stato del calcio di San Marino, con mister Mazza il discorso vira su quelle che fino ad  oggi sono state le gioie professionali e non “Senza dubbio le soddisfazioni ci sono tutte le volte che scendiamo in campo, in termini di risultati abbiamo avuto poche soddisfazioni, abbiamo vinto una partita amichevole e pareggiato una gara ufficiale a Riga, però senza dubbio la soddisfazione è stato giocare in grandi stadi e contro grandi campioni”.

Il discorso cosi torna nuovamente sulla gara contro l’Italia e su cosa lo stesso tecnico chiederà ai suoi ragazzi in vista dell’amichevole “Ai  ragazzi chiederò di giocare una partita corretta e con molto fair play, ma giocando a pochi km da San Marino senza dubbio giocheremo con molto impegno essendo per l’Italia un test importante, quindi chiederò ai ragazzi di essere concentrati il più possibile”. Prima di concludere mister Mazza ci svela qual è il sogno da voler raggiungere con il suo San Marino “ Il nostro sogno è quello di vincere una partita ufficiale, non è facile, però speriamo che possa scappare il colpaccio magari proprio contro l’Italia, per noi sarebbe una soddisfazione grandissima”.  

Potrebbe interessarti