Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Liga Portugal: Pari Porto ma il Benfica non approfitta

di Marco SIMONELLI

La diciottesima giornata della Primeira Liga sarà ricordata come la giornata delle occasioni mancate. Il Porto non riesce ad approfittare del passo falso del Befica per balzare da solo in cima alla classifica e pareggia contro l’Olhanense. Il Braga ha l’occasione di effettuare il controsorpasso al terzo posto ai danni del Pacos, ma perde lo scontro diretto e si ritrova a -4.

Benfica

IL BENFICA PAREGGIA MA IL PORTO NON SCAPPA – Prima o poi doveva succedere, era inevitabile che la corsa di una della due squadre di testa si sarebbe interrotta. Ma che nel giorno del pareggio del Benfica arrivasse anche quello del Porto nessuno se lo sarebbe mai immaginato. E invece, a porta spalancata, i Dragoni hanno calciato a lato il rigore del possibile allungo in classifica. Ma andiamo con ordine. Domenica ore 18, a Madeira va in scena la sfida tra Nacional e Benfica, il Porto intanto si prepara al posticipo serale contro l’Olhanense. Nella calda Funchal le Aquile ci mettono un po’ per entrare in partita e passano in svantaggio con il gol di Diego. La reazione è però veemente e l’autogol di Mexer spiana la strada alla rimonta del Benfica, che si concretizza prima dell’intervallo con la splendida punizione di Urreta. A inizio ripresa però Artur regala il pareggio a Mateus e gli Encarnados sono ancora costretti a rimontare. Questa volta il nuovo sorpasso non avviene, il nervosismo prende il sopravvento e iniziano a fioccare i cartellini. Dopo tre espulsioni l’arbitro chiude le ostilità relegando il Benfica a un pari molto amaro. Il Porto ha così servita su un piatto d’argento la possibilità di portarsi a +2 sui rivali che, in un campionato come questo, potrebbero valere la stagione. All’Estadio do Dragao arriva il modesto Olhanense e sugli spalti già si festeggia il primato. Ma la gara inizia nel peggiore dei modi: al 6’ il contropiede velocissimo di Targino trova scoperta la retroguardia e buca Helton con un potente diagonale. I Dragoni iniziano subito l’assedio ma il fortino eretto dalla difesa rossonera regge agli attacchi di Jackson e compagni. A inizio ripresa arriva però il gol della speranza grazie al solito attaccante colombiano che ribadisce in rete dopo il palo di Varela. Il momento del soprasso sembra immediato e il rigore di Jackson sembra solo una formalità per portarsi in vantaggio. Ma il capocannoniere del campionato calcia alto clamorosamente strozzando in gola l’urlo dei tifosi. Il tempo per vincere ci sarebbe ma il fortino eretto continua a tenere e quando mostra qualche crepa ci pensa Bracali a salvare il risultato. Alla fine il conto delle occasioni sarà impietoso (29 tiri contro 3) ma il risultato non cambierà, così come la classifica.

LA FAVOLA DEL PACOS PUO’ DIVENTARE REALTA’, BATTUTO ANCHE IL BRAGA – Intanto si riapre clamorosamente la corsa al terzo posto, con il Pacos che batte i rivali del Braga e porta a quattro le lunghezze di vantaggio proprio sugli Arsenalistas. Dopo il sorpasso di settimana scorsa avviene ora l’allungo decisivo per puntare in alto, per trasformare la favola in realtà. Quella contro il Braga è una prova di forza incredibile per i Castori che chiudono la partita già al 50’ con la doppietta di Hurtado e il gol di Cicero. Le reti di Saline ed Eder provano a riaprirla ma la buona prova difensiva del Pacos spegne le speranze di rimonta del Braga. In questa situazione di classifica prova a rosicchiare qualche punto il Rio Ave che continua a vincere consolidando il quinto posto, l’ultimo utile per entrare in Europa. Contro l’Academica bastano due gol di Hassan e Bebé per annullare la rete di Sam e portare a casa l‘intera posta in palio.

ESTORIL E MARITIMO PROVANO A NON LASCIAR SFUGGIRE L’EUROPA – Provano a inseguire la speranza di entrare in zone europee l’Estoril e il Maritimo, anche se l’impresa è tutt’altro che semplice. I primi battono i diretti concorrenti del Guimaraes con un netto 2 a 0, facilitati però dall’espulsione di Alex dopo appena quattro minuti, i secondi invece passano sul difficile campo dello Sporting grazie alla rete di Suk. In coda importante vittoria del Setubal che batte il Gil Vicente e abbandona il penultimo posto in favore del Beira-Mar. Beira-Mar che viene sconfitto dal fanalino di coda Moreirense che ora si avvicina ai rivali e riaccende la speranza di salvezza.

Potrebbe interessarti