Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Ligue 1

Ligue 1: Balotelli stende il suo Nizza, pari per Lione e Monaco

Mentre a Parigini restano vivi i fantasmi del Manchester, Lilla, Lione e Marsiglia si danno battaglia per un posto nella prossima edizione della Champions League, il tutto mentre a Rennes sognano l’accesso ai quarti di finale in Europa League

Dopo la clamorosa eliminazione in Champions League del PSG, che al Parco dei Principi è stato superato per 3-1 dal Manchester United  nel ritorno degli ottavi di finale, confermando la negativa annata nelle coppe del club parigino, già eliminato due mesi fa dal Guingamp in Coppa di lega, a portare un po’ di sorrisi nella patria dei campioni del Mondo, è stato il Rennes che superando per 3-1 l’Arsenal, ha compiuto un piccolo passo verso i quarti di finale di Europa League, ora sarà fondamentale in casa rossonera non prendere come esempio il PSG, per poter cosi continuare a sognare l’accesso ai quarti di finale. Ma la turbolenta settimana parigina è continuata nel weekend, dove la gara con il Nantes è stata rinviata, e ciò ha fatto si che la tifoseria del PSG sia rimasta con nella mente le immagini dello stregato martedì di Champions, cosi a parlare ci ha pensato Mbappè, da molti votato ad eroe della Patria, ma subito scaricato dopo la scioccante eliminazione. Cosi il campionato del Mondo, stanco dalla pesante situazione con la tifoseria,  ha esternato il suo pensiero sull’attuale situazione del PSG, fugando ogni dubbio su di una possibile partenza in estate “Sono stordito, non sono stato in grado di dormire, è difficile digerire una delusione simile. Abbiamo lavorato duramente per raggiungere questo momento, siamo delusi. La festa è stata rovinata, la Champions League era il nostro obiettivo stagionale. Ci sono tante persone che dubitano, ma continuerò a fidarmi di questo progetto, resterò qui, questo è sicuro, anche dopo quello che è successo”.

Archiviato il discorso europeo, l’attenzione è tornata tutta sul campionato  dove a farla da padrone è stato il big match tra un Saint’Etienne in cerca di riscatto, dopo la sconfitta patita la scorsa settimana, ed un Lilla in cerca di punti per continuare la propria corsa verso la prossima edizione della Champions League. A spuntarla è stata la formazione ospite, che grazie ad una rete di Pepè, giunta all’87’, conquista tre punti pesantissimi con cui volare a quota 57 totali ed incominciare ad udire sia pur in lontananza l’inno della Champions. Discorso diverso per il Saint’Etienne, costretto a cambiar passo ed a cancellare le ultime due sconfitte, se vorrà tornare in Europa già dalla prossima stagione, a dare una mano al Lilla ci pensa lo Strasburgo, che in attesa di giocare la finale della Coppa di lega, si è concesso il lusso di bloccare sul 2-2 il Lione. Ad aprire il match sono gli ospiti che al 3’ passano in vantaggio con Dembelè, trovato il momentaneo 1-0 il team del Rodano spinge, tanto che al 51’ nuovamente Dembelè ma questa volta su calcio di rigore firma il 2-0. La gara sembra chiusa ma dello stesso avviso non è lo Strasburgo, che al 69’ con Ajorque riapre il match , trascorre un minuto e lo stesso Ajorque realizza una incredibile doppietta, pareggiando i conti prima con Dembelè, poi sul tabellino,  spendendo il match agli archivi con il risultato di 2-2, che regala allo Strasburgo un punto prezioso con cui toccare quota 38 totali,archiviare il discorso salvezza, e concentrare le proprie forze sulla finale di coppa che non solo potrebbe portare un trofeo,ma anche aprire la strada che conduce in Europa League. Il punto va stretto al Lione che vola si a quota 50, ma resta a 7 lunghezze dal Lilla.

Esordio positivo per Paulo Sousa sulla panchina del Bordeaux, che in casa del Monacò pareggia per 1-1, risultato che va bene ad entrambe le squadre, soprattutto al team del Principato che vola a quota 27 punti ed allunga a +6 sulla zona playout. Dopo la bella prestazione offerta in Europa league contro l’Arsenal, il Rennes sempre tra le mura amiche si ripete imponendosi sempre per 3-1, ma questa volta sul Caen, il successo consente al team bretone di toccare quota 40 punti con cui accorciare sensibilmente le distanze dalla zona europea della classifica. Chi rallenta è il Montpellier che pur giocando in casa, viene bloccato sul 2-2 dall’Angers, il punto va benissimo al team angioino che in tal modo tocca quota 35 totali e veleggia a 5 lunghezze dalla salvezza matematica. Discorso diverso per il Montpellier che con la bellezza di 41 punti può ancora ambire alla qualificazione per la prossima edizione dell’Europa league,ed il solo punto conquistato è ben poca cosa. Chi si muove in chiave salvezza sono il Tolosa e l’Amiens, rispettivamente vincitrici sul Guingamp e Nimes, il successo per 1-0 consente al Tolosa di volare a quota 31 punti ed uscire definitivamente dalla zona retrocessione, stesso discorso per l’Amiens che imponendosi per 2-1 sul Nimes, tocca quota 28 punti e scavalca di una lunghezza il Monacò.

Finisce 1-1 il match tra Digione e Reims, risultato che va bene solo alla formazione ospite, che grazie al punto guadagnato vola a quota 43 punti ed entra ufficialmente incorsa per un posto in Europa. Discorso diverso per il Digione che con soli 21 punti conquistati, resta in piena zona retrocessione. A chiudere il quadro della giornata è la vittoria per 1-0 del Marsiglia, che tra le mura amiche liquida la pratica Nizza, ironia della sorte giustiziere del team della Costa Azzurra, è  il grande ex di turno,  Balotelli che sfruttando un assist di Ocampos, al 61’ realizza il gol partita che gli consente di prendersi una bella rivincita personale, ma al tempo stesso di far schizzare il Marsiglia a 47 punti,ossia a tre lunghezze dal Lione, il che significa che sulle rive del Rodano, oltre che pensare all’ Europa League, resta vivo il sogno della Champions,che darà maggior verve al finale di stagione.

Davide Piteo 

Potrebbe interessarti