Premier League: De Zerbi ferma Guardiola e conquista l’Europa

Nel recupero della 32^ giornata di Premier League pari show Brighton-Manchester City: De Zerbi festeggia l' Europa League. Pari e spettacolo tra Brighton e Manchester City nel recupero della 32ª giornata di Premier League. Finisce 1-1 tra la squadra di Roberto De Zerbi e quella di Pep Guardiola, in una partita preceduta dalla festa delle due squadre (i Seagulls per la prima storica qualificazione alle competizioni europee, gli Sky Blues per la conquista del titolo) e ricca di colpi di scena con due gol buoni e tre annullati.

Dopo gli elogi reciproci, con le parole al miele di Pep Guardiola per Roberto De Zerbi, Brighton e Manchester City danno vita a un grandissimo spettacolo all’Amex Stadium. Finisce 1-1, con l’eurogol di Enciso a pareggiare la rete di Foden, ma fioccano le occasioni da rete. Il pareggio porta i Citizens ad 89 punti, +8 sull’Arsenal, e fa esultare i Seagulls: De Zerbi e i suoi conquistano ufficialmente la qualificazione all’Europa League. “Roberto De Zerbi è uno dei manager più influenti degli ultimi 20 anni”. Pensieri e parole di Pep Guardiola nel pre-partita di Brighton-Manchester City, una gara che ha dato vita a un autentico spettacolo: l’1-1 vale l’Europa League per il tecnico italiano, ma sono fioccate le occasioni da rete all’Amex.

BRIGHTON-MANCHESTER CITY 1-1
Iniziano subito forte i campioni d’Inghilterra, che pressano altissimo i rivali e sfiorano la rete con Haaland. I Seagulls rispondono al 20′ minuto col palo di Welbeck, ma rischiano ancora sulle sfuriate del norvegese, fermato stavolta da Steele. La meritata rete del Manchester City arriva al 25′ minuto, ma non porta la firma del capocannoniere della Premier League (36 reti): Haaland raccoglie da Mahrez e serve Foden, che può insaccare a porta vuota e arrivare a 11 reti. La reazione del Brighton è immediata, col gol annullato a Mitoma per un tocco di mano e la grande chance per Facundo Buonanotte, il cui sinistro viene deviato da Ortega. Il secondo portiere dei Citizens non può nulla al 38′ minuto, quando Enciso colpisce all’incrocio dei pali con una conclusione potente e imparabile: l’ex Libertad conferma il suo talento e firma l’1-1 in bellissimo stile. Si va al riposo con questo risultato, nonostante l’ultimo sussulto di Foden.

Nella ripresa parte molto meglio il Manchester City, con la chance per Gündoğan e per il neoentrato Palmer. Guardiola inserisce anche Julián Álvarez e aggredisce con le due punte, De Zerbi risponde con Mac Allister che gioca (probabilmente) la sua ultima all’Amex Stadium (è vicino al Liverpool) e il Brighton si risolleva. Ortega salva su Mitoma ed Estupiñán sfiora un altro eurogol, mentre dall’altra parte Haaland non sbaglia: il 2-1 del norvegese, segnato di testa al 78′ sul cross di Cole Palmer, viene annullato per una trattenuta su Colwill. Nel finale Guardiola chiude senza centrali difensivi di ruolo, dopo l’infortunio muscolare di Stones, e il match si anestetizza. L’1-1 dell’Amex Stadium fa festeggiare il Brighton, che conquista aritmeticamente l’Europa League e si rende irraggiungibile dall’Aston Villa (+4), che sfiderà nell’ultimo turno. Sale a quota 89 il Manchester City, ora a +8 sull’Arsenal.

Avatar
Nello Paolo Pignalosa

Premier League