Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Un nuovo triplete per il Barcellona è possibile?

E’ la squadra europea, forse mondiale, del momento. Il Barcellona di Luis Enrique sta vivendo una nuova età dell’oro, dopo il ciclo record di Guardiola. Ma neppure al tecnico che ha cambiato definitivamente la già gloriosa storia del club, conquistando due delle cinque Champions League conquistate dai blaugrana, è riuscita l’impresa che l’ex allenatore della Roma tenterà in questa stagione. Ottenere per la seconda volta consecutiva il ‘triplete’, ovvero la conquista di Liga, Copa del Rey e Champions League nella stessa stagione.

Se non fosse stato per l’ultima sconfitta casalinga nel ‘Clasico’ contro il Real Madrid, il primo obiettivo sarebbe già in cassaforte. I sette punti di vantaggio che il Barcellona può vantare in classifica sul Real e i sei sull’Atletico Madrid rappresentano comunque una dote rassicuramente. Così come i catalani partiranno favoriti nella finalissima di Copa del Rey da giocare contro il Siviglia. L’impresa più ardua, come è logico che sia, resta la Champions, dove l’Atletico Madrid in uno scontro fratricida tra spagnole sarà già un osso duro nei quarti di finale.

Ma è davvero possibile che anche quest’anno il Barcellona riesca a mettere a segno il ‘triplete’? Per la squadra di Luis Enrique ci sono alcune pedine fondamentali che dovranno ovviamente dare il loro massimo apporto. A partire dai tre tenori in attacco, Neymar, Messi e Suarez, con quest’ultimo in piena lotta con CR7 per il pichichi, la classifica marcatori della Liga, che formano un tridente offensivo che nessuna squadra al mondo può vantare. E non a caso proprio il bomber uruguaiano sta portando avanti quest’impresa che entrerebbe di diritto nella storia. Ieri sera, come vi abbiamo raccontato nel nostro precedente servizio, i blaugrana si sono aggiudicati il match d’andata dei quarti di finale di Champions League contro l’Atletico Madrid di Simeone. Gara che si preannunciava complicata per la corazzata di Luis Enrique ed in effetti è stato proprio così. Fernando Torres è risultato decisivo ai fini del risultato, prima ha sbloccato il risultato, poi con la sua espulsione ha di fatto messo in difficoltà i suoi compagni che poco o nulla potevano fare contro un Luis Suarez in serata di grazia. Per il terminale offensivo del Barcellona doppietta che ha regalato il definitivo 2-1 con buone speranze di accedere alle semifinali.

Per arrivare alla finale di San Siro c’è ancora molta strada da fare, ma è scontato dire che questo Barcellona non può non essere inserito tra le pretendenti più accreditate per la conquista della Champions. Dal punto di vista dell’organico soltanto il Bayern Monaco dell’ex Guardiola, vittorioso anch’esso sul Benfica per 1-0 ieri sera, sembra in grado di porsi sulla strada tra i blaugrana ed il secondo ‘triplete’ consecutivo, dando per scontati i successi in patria. Lo scorso anno il Barcellona si è guadagnato la finalissima contro la Juventus proprio i bavaresi in semifinale: che possa essere davvero questo lo scontro finale per la Champions League?

 

Potrebbe interessarti