Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Champions League: Il Napoli può ipotecare il passaggio del turno, Guardiola sfida il suo Barça

Fra le partite del mercoledì spicca il big match del Camp Nou fra Barcellona e Manchester City, con le altre grandi d’Europa chiamate a confermarsi in impegni alla portata, ma proprio per questo assolutamente da portare a casa.

GRUPPO A. PSG e Arsenal ospitano rispettivamente Basilea e Ludogorets. Se tutto va come deve andare, il girone di ritorno inizierà con le prime due a 7 punti e svizzeri e bulgari a 1, pronti a contendersi l’unico pass per l’Europa League. La macchina di Unai Emery ogni tanto si inceppa, ma chi è una macchina nel fare gol è Edinson Cavani: 13 in 10 apparizioni stagionali. Con lui il bottino è al sicuro. Così come dovrebbe esserlo per l’Arsenal, che come ogni anno marcia forte in Premier e finché non giunge la primavera è capace di mantenere questi ritmi. Per entrambe le potenze del girone, il rischio di non fare tre punti è minimo.

GRUPPO B. Incastrando i risultati nel modo giusto, il Napoli potrebbe già a metà ottobre sbarcare agli ottavi: fondamentale sarà vincere al San Paolo contro il Besiktas dell’ex di turno Gökhan Inler. Se poi Dinamo Kiev e Benfica si imbrogliassero in un pareggio, il gioco sarebbe fatto, il record della qualificazione dopo appena tre giornate pure. Gli azzurri senza Milik in Europa avrebbero tre gol in meno, probabilmente anche qualche punto. Ma l’occasione è troppo ghiotta per rimpiangere la sua assenza. Gabbiadini è avvisato.

GRUPPO C. Riflettori puntati su Barcellona – Manchester City, la partita che catalizza tutto il fascino della Champions. Uno scontro che si ripete negli anni, ma che per l’occasione offre ai nostalgici il ritorno di Guardiola al Camp Nou. Uno scontro, inoltre, fra la vecchia versione del tiki taka e la nuova, firmata Luis Enrique. Il City ha già fatto il suo passo falso pareggiando in Scozia contro il Celtic, che i blaugrana avevano schiantato alla prima giornata. È chiamato ora a fare punti sul campo più difficile. Al Celtic Park scenderà in campo il Borussia M’Gladbach, ancora fermo a 0 punti, a lottare contro lo spettro della seconda eliminazione consecutiva ai gironi di Champions.

GRUPPO D
. L’Atletico di coppa è il manifesto del cholismo, vincente con minimo sforzo offensivo e massimo sforzo difensivo. Farà visita al Rostov, forse l’occasione per aumentare il bottino di reti segnate. Al Bayern servirà invece uno scossone, più mentale che fisico. Lo dice Ancelotti, comunicatore sul campo quando strattona Sanches, e ai microfoni quando invoca un cambiamento. L’impressione è di non avere ancora la versione migliore che Carletto può ricavare dalla sua squadra. Ma al di là delle prestazioni, contro il PSV sarà necessario vincere, per tenerlo e distanza e restare nella scia colchonera.

Carlo Pignataro

Potrebbe interessarti