Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Cristian Zaccardo: Vi Racconto il Mondiale 2006 🏆

9 anni fa sul tetto del Mondo, Cristian Zaccardo, in un'intervista esclusiva, ci ha racconto quell'avventura

Nato a Formigine, in Emilia-Romagna, il 21 dicembre 1981, Cristian Zaccardo è stato uno dei campioni del mondo del Mondiale 2006. Terzino destro, ma all’occorrenza anche difensore centrale, Zaccardo ha vestito le maglie di Spezia, Bologna, Palermo, Wolfsburg, Parma, Milan, Carpi e Vicenza, prima di chiudere la carriera all’estero, con delle brevi esperienze nel campionato maltese e in quello sanmarinese.

Cristian, nella tua carriera hai avuto a che fare con molti allenatori. Qual è il tecnico che più ha contribuito alla figura del Zaccardo calciatore?

“A livello personale, Francesco Guidolin mi ha aiutato molto. Mi ha lanciato a Bologna, poi mi portato con sé a Palermo e mi ha rivoluto a Parma, è il mio papà calcistico. Un ruolo importante lo ha avuto però anche Marcello Lippi, che mi ha convocato ai Mondiali del 2006”

Insieme a Daniele De Rossi sei stato uno degli ultimi campioni del Mondo della nostra Nazionale a ritirarsi dal calcio giocato. Credi che avremo mai una nazionale come quella del 2006?

“Mi auguro di sì! Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, Roberto Mancini sta svolgendo davvero un bel lavoro. Abbiamo una rosa piena di giovani talenti, ma c’è un contro: adesso le nazionali attrezzate per vincere sono molto più numerose”.

Quella dei Mondiali 2006 è stata un’esperienza che hai vissuto da protagonista. Qual è il ricordo più bello che hai di quell’avventura?

“L’esordio da titolare con il Ghana, la semifinale con la Germania e ovviamente il rigore di Grosso: quel Mondiale ci ha letteralmente cambiato la vita, non capita tutti i giorni di diventare Campioni del Mondo”.

L’INTERVISTA COMPLETA SU RIVISTA FOOTBALL – PAG. 24

Potrebbe interessarti