Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Da 1 a 10, il pagellone della 9° giornata di Serie A

Il meglio e il peggio della nona giornata di Serie A

VOTO 10
All’Atalanta del Gasp che ormai non è più una sorpresa. In nove giornate i neroazzurri hanno realizzato 28 gol, record assoluto, e si sono portati nei piani alti della classifica, a ridosso di Juventus e Inter e davanti al Napoli. Non è più un sogno, l’Atalanta adesso è realtà!

VOTO 9
Alla Roma di Fonseca che nonostante tutte le difficoltà torna a vincere dopo un mese contro una diretta concorrente per un posto Champions. Con la rosa al completo questa squadra può centrare l’obbiettivo stagionale.

VOTO 8
Alla Lazio di Inzaghi che espugna Firenze e torna a sorridere. La zona Champions dista solo due punti e i biancocelesti, possono continuare a perseguire i propri obiettivi.

VOTO 7
All’esordio di Thiago Motta sulla panchina del Genoa. Nella ripresa il tecnico del Grifone schiera una squadra votata all’attacco e tutti e tre i neo entrati vanno in gol: Agudelo, Kouamé e Pandev, è la prima volta in Serie A.

VOTO 6
Al coraggio del Lecce di Liverani dopo aver strappato un punto a sorpresa contro il Milan domenica scorsa, ferma tra le mura amiche anche i campioni d’Italia e conquista il suo primo punto in casa.

VOTO 5
Al Napoli di Ancelotti che non è più lo stesso. Qualcosa scricchiola, pareggiare con la Spal non è il massimo della vita. C’era l’occasione per ridurre il distacco da Juve e Inter, però il Napoli non ne ha approfittato.

VOTO 4
Al Milan di Pioli, arrivato ormai alla quinta sconfitta su 9 gare disputate ed una posizione di classifica che inizia a farsi davvero preoccupante. 10 punti sono davvero troppo pochi per il Diavolo, che nella trasferta di Roma paga piú le distrazioni individuali.

VOTO 3
All’Udinese di Tudor che incassa una delle sconfitte di più larghe proporzioni nella sua storia. Erano 60 anni che l’Udinese non subiva 7 gol tutti in una volta: correva l’anno 1959.

VOTO 2
Alla Samp di Ranieri che resta inchiodata all’ultimo posto. Il pari contro la Roma aveva riportato un pò di entusiasmo ma la sconfitta di Bologna ha fatto ripiombare i blucerchiati nel baratro. Domenica contro il Lecce la vittoria è d’obbligo.

VOTO 1
A Franck Ribery che rischia fino a 4 giornate di squalifica per lo spintone al guardalinee al termine di Fiorentina-Lazio.

Potrebbe interessarti