Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Bufera Real, Perez: “Benitez non va da nessuna parte”

Dopo i quattro goal rimediati col Barcellona, il futuro di Rafa Benitez sembrava ormai lontano da Madrid. Però è ancora in panchina e Florentino Perez sembra aver rinnovato la fiducia al tecnico.

Sono molte le parole che si sono susseguite dopo il Clasico. Umiliazione, sdegno, vergogna. Insulti verso un tecnico che sembra non averci capito niente di calcio, che pare intenzionato a schiantare il Real Madrid, Cristiano Ronaldo annesso. Si è addirittura parlato di un ultimatum del pallone d’oro dei Blancos, “o lui o me”, dato alla società. Eppure, Benitez è ancora a Madrid. Eppure, è ancora l’allenatore delle merengues. Stasera, in Champions League, la squadra madrilena sfiderà lo Shaktar Donetsk e l’atmosfera è tesa. Non conta solo il risultato. I tifosi del Real hanno già, idealmente, messo alla porta il tecnico e non avranno pietà se i risultati non dovessero cambiare.

Florentino Perez, dal canto suo, non ha dubbi. Al Bernabeu, davanti ai giornalisti, ha rinnovato la fiducia nell’allenatore: “Benitez è la soluzione. Ha tutto il nostro appoggio e la nostra fiducia. Lo abbiamo scelto per la sua professionalità, la sua esperienza. Può far rendere al massimo questa rosa. Capisco la delusione dei tifosi, dopo sabato, ma con intensità e impegno riusciremo a risalire ed ottenere i trionfi che meritiamo”. Sì, sembra facile. Lo sarebbe se i giocatori appoggiassero l’allenatore e se il diamante della squadra non avesse questo diavolo per capello che lo porta sempre più a scontrarsi con RafaBenitez. Dopo l’umiliazione con il Barça, squadra sì mostruosa, ma a cui il Real dovrebbe almeno tener testa, RafaBenitez si è espresso in merito alla situazione delicata della sua squadra: “siamo rimasti imbattuti per 14 partite, l’ultima l’abbiamo persa e ci è dispiaciuto. Ma c’è solo un modo per risalire, ricominciare a vincere: lo faremo. Ci dispiace aver perso col Barcellona in quella maniera ma ora dobbiamo pensare allo Shaktar che è una grande squadra, ci giochiamo il primo posto nel girone.” Proprio sulla situazione nello spogliatoio, l’allenatore non sembra particolarmente preoccupato e le polemiche di una rottura con i suoi ragazzi sembrano infondate: “siamo uniti. Abbastanza uniti. La fiducia della società è un atto che gradisco. Dobbiamo ritrovare lo spirito giusto, quelle sensazioni positive. E lo faremo. Se lo spogliatoio non fosse dalla mia parte non avremmo fatto 14 gare senza sbagliare e non saremmo arrivati così in alto in Champions con due turni d’anticipo. Alleno un gruppo professionale e di qualità.” A chi gli chiede come va con la prima donna, con il tesoro di Madrid, con Mr. Cr7, lui risponde: “è un gran giocatore. Non ho nessun problema con lui.”

In Italia, a RafaBenitez sembrano non aver ancora dimenticato i trascorsi con l’allenatore. Basti pensare a Marco Materazzi, che ha avuto parole al veleno: “la verità è che il Napoli, adesso, ha un vero allenatore.” Ancelotti, dal canto suo, è convinto che tra Cristiano Ronaldo ed il suo allenatore non ci siano problemi. Tra l’altro, si parla di un futuro lontano da Madrid per Cr7, magari anche per Benzema. Il primo, potrebbe sbarcare in Francia, in quel di Parigi, al Psg. Il secondo, sembrerebbe corteggiato dall’Arsenal. Non ci resta che aspettare e vedere chi sarà costretto a cambiare aria ed allontanarsi da Madrid e chi, alla fine, sarà costretto a scegliere Florentino Perez.

Clara Caiola

Potrebbe interessarti