Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

F1, Gp Australia: A Rosberg il primo gran premio, terza la Ferrari di Vettel.

E’ Nico Rosberg su Mercedes il trionfatore del primo Gran Premio della stagione 2016 del Campionato Mondiale di Formula 1. Il pilota tedesco anticipa il compagno di squadra Hamilton e il ferrarista Vettel, al termine di una gara ‘divisa in due’ a causa dello spaventoso incidente occorso a Fernando Alonso. Ancora sfortuna per Kimi Raikkonen, costretto al ritiro a causa di problemi tecnici. Ottima la prestazione di Grosjean, se sto e subito a punto con l’esordiente Haas.

La cronaca: il primo imprevisto arriva ancor prima della griglia di partenza schierata, con Kvyat che accusa problemi ed è costretto a tornare ai box. Altro giro di ricognizione per tutti e gara che ‘scala’ di un giro sul totale. All’avvio è subito furia rossa: le due Ferrari sfruttano le indecisioni delle Mercedes e le scavalcano alla prima doppia curva. E’ Vettel a sopravanzare tutti, seguito da Raikkonen e Rosberg; malissimo Hamilton, finito addirittura in settima posizione.

Sembra tutto in discesa per la Ferrari, ma la Mercedes decide di cambiare strategia passando alla gomma media, scelta che risulterà ancor più decisiva in seguito al terribile incidente di Fernando Alonso, per fortuna senza alcuna conseguenza fisica per il pilota. Lo spagnolo viene sorpreso dalla frenata anticipata di Gutierrez davanti a lui e finisce per cappottarsi più di una volta e a circa 300 Km/h. La direzione gara, in seguito all’incidente, decide di esporre la bandiera rossa e sospendere quindi la corsa. Probabilmente la vera svolta positiva nella gara delle due Mercedes. Vettel, con gomme super soft, prima, e gomme soft, dopo, viene recuperato e sopravanzato dalle due frecce d’argento, capaci di arrivare al traguardo senza più dover effettuare soste. Nel finale di il pilota tedesco della Ferrari le prova tutte per cercare di impadronirsi della seconda posizione occupata da Hamilton, ma la troppa voglia finisce per farlo sbagliare e consegnare il secondo gradino del podio al Campione del Mondo iridato.

Ottima prestazione, comunque, delle due Ferrari, a testimonianza della buona condizione della scuderia (problemi di Raikkonen a parte). Sicuramente una premessa che può dire che la Ferrari c’è, ci sarà e potrà impensierire le terribili Mercedes. Senza dimenticare delle possibili modifiche alle attuali, ed oscene, regole per le qualifiche.

Ordine d’arrivo

  1. Nico Rosberg (GER/Mercedes)
  2. Lewis Hamilton (GBR/Mercedes)
  3. Sebastian Vettel (GER/Ferrari)
  4. Daniel Ricciardo (AUS/Red Bull)
  5. Felipe Massa (BRA/Williams-Mercedes)
  6. Romain Grosjean (FRA/Haas-Ferrari)
  7. Nico Hülkenberg (GER/Force India-Mercedes)
  8. Valtteri Bottas (FIN/Williams-Mercedes)
  9. Carlos Sainz Jr (ESP/Toro Rosso-Ferrari)
  10. Max Verstappen (NED/Toro Rosso-Ferrari)

Jacopo Trevisani

Potrebbe interessarti