Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Inzaghi:”Col Toro servirà più cinismo”

Vietato sbagliare, l’allenatore del Milan, Filippo Inzaghi vuole un pronto riscatto nella trasferta all’ombra della Mole contro il Torino in programma domani.

“La crescita della squadra passa per la classifica. Serve vincere. Partite come quelle contro Roma, Napoli e Real si preparano da sole, contro il Sassuolo ci è mancato il cinismo, mi auguro che la sconfitta ci sia servita di lezione”. Analizzando in conferenza stampa a Milanello il ko casalingo 2-1 contro il Sassuolo il tecnico rossonero vede il bicchiere mezzo pieno: “Abbiamo fatto la prima mezz’ora molto bene, dispiace aver preso gol su palla nostra e poi su calcio piazzato. Nel secondo tempo abbiamo sempre tenuto in mano il gioco. Non si può perdere le partite in quel modo, questo ci fa arrabbiare. Era una partita che avevamo in mano. Dobbiamo guardare avanti, la prossima sfida sarà piena di insidie”.

“Recuperiamo molti giocatori e avremo la rosa quasi al completo, ci sarà l’imbarazzo della scelta, mancheranno solo Bonera e Van Ginkel. Chiaro che con Abate e De Sciglio ci vorrà un po’ di pazienza perché rientrano dopo tanto. Cerci mi verrebbe voglia di metterlo in campo dal primo minuto ma devo essere razionale, non ha giocato 3 mesi e non ha fatto la preparazione, bisogna avere un po’ di pazienza, in allenamento ha un grandissimo spirito”.

“Il Torino lo conosciamo, è una squadra molto ben organizzata che fa della ripartenza la sua arma migliore. Dovremo fare possesso palla ed esser bravi a gestire, il Toro ha una delle miglior difese, è difficile fargli gol quando sono piazzati. Domani sera sarà un bel banco di prova”, prosegue Inzaghi.

Punto debole della formazione rossonera il gol da calci piazzati. “Ci vorrà più attenzione, in campo dobbiamo esser più svegli e cinici. I gol da calcio piazzato sono da sempre un limite. E’ una questione individuale. Non so se c’è un problema di struttura, di squadra, di attenzione. Martedì siamo stati poco svegli sul blocco che ci hanno fatto”.

Potrebbe interessarti