Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Liga: Il Barça continua a vincere, il Deportivo è quasi salvo

di Davide PITEO

I galiziani battono 2-0 l’Espanyol e volano al diciassettesimo posto, scavalcando il Saragoza che nel finale cede 2-1 in casa all’Atletico Bilbao. Il Barcellona batte 2-1 il Valladolid.

Barcellona---Iniesta
Barcellona—Iniesta

Pur essendo chiusa la questione relativa alla vittoria del titolo, visto il 22esimo successo ottenuto dal Barcellona la scorsa settimana, la formazione catalana sembra non volersi più fermare. Pur se con la testa in tanti sono ormai in vacanza, in campo continuano a correre ed a vincere. A farne le spese nella 36esima giornata di campionato, terz’ultima della stagione, è stato il Real Valladolid che in casa del Barcellona pur lottando e costringendo i campioni in carica della Liga ad una vittoria di misura, nulla di più ha potuto. Ad aprire la strada verso la vittoria ci pensa Pedro al 21° del primo tempo, al 42° Valiente firma il 2-0 per il Barcellona, nella ripresa ed a tempo quasi scaduto Perez sigla la rete della bandiera per il Valladolid.

Peggio è andata al Malaga impegnato nella corsa per al qualificazione alla fase preliminare per la prossima Europa League, essendo stato strapazzato in casa del Real Madrid per 6-2. Il successo dei blancos non cambia certo la situazione in classifica, ma senza dubbio è un chiaro messaggio inviato da Mourinho ed i tanti che andranno via a  fine stagione, verso quella parte di tifoseria che non gli ha mai amati, e che non vede l’ora che vadano via.  Discorso diverso per il Malaga che vista la pesante sconfitta ed i soli due punti di distacco dal Betis impegnato questa sera contro l’ormai retrocesso Maiorca, dovrà sperare in un pari o in una improbabile sconfitta del Betis, facendo cosi appello alla voglia di vincere del team fanalino di coda, al fine di non compromettere il cammino verso l’Europa.

Tutto facile per l’Atletico Madrid che in casa dell’ormai retrocesso Celta Vigo ha saputo imporsi per 3-1, concentrando cosi le proprie attenzioni sul mercato, vista la telenovela nata intorno a Falcao. L’attaccante colombiano sembrava essere sul punto di volare verso  Monaco, salvo poi fare retromarcia. Dunque archiviato il campionato in casa Atletico sarà necessario cominciare a pensare al mercato e fare chiarezza, intorno al proprio campione. Continua ad infiammarsi la lotta tra Real Sociedad e Valencia per la qualificazione ai preliminare per la prossima Champions League, diventata la vera attrazione della Liga.  Le due formazioni vincenti su Getafe il Valencia, e Siviglia la Real Sociedad, sono appaiate in classifica con 62 punti a testa, ma la miglior differenza reti al momento premia il Real, dunque le ultime due gare di campionato per entrambe le formazioni diventano già sulla carta arroventate e vietate ai deboli di cuore.

In chiave salvezza il Deportivo imponendosi per 2-0 sull’ormai salvo Espanyol tocca quota 35 punti e con ancora due giornate da giocare, fa senza dubbio un bel passo in avanti, in scia però resta il Real Saragozza che dal canto suo ha collezionato 34 punti fino ad oggi, ma la sconfitta subita in casa contro il Bilbao ha senza dubbio complicato la situazione. Però dovendo  giocare in casa l’ultima gara di campionato, il sogno della salvezza non è ancora da dover abbandonare. Chi ormai può considerarsi salvo è il Granada che imponendosi tra le mura amiche per 3-0 sull’Osasuna, ha toccato quota 39 punti e quindi la matematica certezza del mantenimento della categoria, discorso diverso per la formazione ospite, che  con soli 36 punti non ha ancora la certezza della salvezza, certezza che dovrà costruirsi nelle ultime due gare di campionato. Imponendosi in casa del Levante per 3-2 il Rayo Vallecano tocca quota 49 punti ed a due giornate dal termine della stagione, può ancora sognare la qualificazione ai preliminari per l’Europa League, tirando le somme la 36esima giornata senza dubbio ha offerto tanto spettacolo visti i 29 gol totali realizzati, ma senza è stato al tempo stesso una giornata dura, infatti 3 sono state l’espulsioni, 2 i rigori fischiati e ben 50 le ammonizioni.

 

Potrebbe interessarti