Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Mamma Ultrà: Il Gioco d’azzardo

Tutto ha inizio dallo spaccio di doppioni e poi il salto alla PlayStation con FiFa è stato un attimo

Care Mamme Ultrà vi ricordate quel primo pacchetto di figurine?? Contente e fiere all’edicola ogni fine settimana. Ecco da lì inconsapevolmente avete scatenato un processo inarrestabile.
Tutto ha inizio dallo spaccio di doppioni e poi il salto alla PlayStation con FiFa è stato un attimo. Le corse prima di Natale alla ricerca dell’ultimo uscito a partire da Fifa 2000, gli spintoni fuori i Game Stop con le altre mamme per prendere quel dischetto che doveva stare sotto il vostro albero ogni anno ve lo ricordate???

E poi è uscito l’online. Tutti insieme collegati per giocare le partite. E tu che naturalmente provi ad interagire con tuo figlio e mentre lui compra giocatori per fare la squadra o dispone i calciatori in campo passi con il folletto davanti alla televisione un minimo di 5 volte e lo distrai proprio negli attimi più caldi delle azioni…..che bei momenti!!
E poi il passo successivo l’entrata nella spirale del gioco d’azzardo vero e proprio: il Fantacalcio!!!!

Come Mamma Ultrà devo confessare che non ne capisco niente: si fanno le squadre e ci sono degli orari stabiliti a cui non ci si può esimere pena la squalifica. Sono dei campionati veri e propri e la vittoria si stabilisce con regole non ben comprensibili…c’è un punteggio non solo per i goal ma anche per gli assist e la cosa più importante a quanto ho capito sono i giocatori che decidi di mettere in campo. Partecipi a questo gioco con più gruppi quindi devi tener conto di tante squadre avversarie. Il campionato dura tutto l’anno e guai a saltare una partita. Come l’ho scoperto??? ….. le mail di Fantagazzetta arrivano a nome mio.

E adesso in quarantena a causa del contenimento sociale contro la diffusione del coronavirus con il Fantacalcio finito la PlayStation va in ebollizione, in orari improponibili i nostri ragazzi che non possono stare completamente fuori dal calcio giocano online per non perdere il brivido dell’agonismo. Si sfidano l’un l’altro, progettano e costruiscono squadre, partecipano come se fossero lì in campo in attesa del loro vero e proprio rientro!
 

Potrebbe interessarti