Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

#Premier: Arsenal avanti tutta! Chelsea e Reds inseguono

di Marco SIMONELLI | 27 OTTOBRE 2013

Le prime tre vincono lasciando tutto invariato in vetta alla classifica. L’Arsenal passa con qualche difficoltà nel derby contro il Crystal Palace consolidando il primato, mentre Liverpool e Chelsea battono Wba e City. Tengono il passo il Tottenham, che rimane a -3 grazie alla vittoria contro l’Hull City, e le sorprese Everton e Southampton. Per lo United arriva un’importante vittoria anche se non del tutto meritata.

Chelsea v Manchester City 2-1
Chelsea v Manchester City 2-1

GUNNERS, BLUES E REDS VINCONO E INIZIANO A PROGETTARE LA FUGA– L’Arsenal non si ferma più. Nell’anticipo del sabato pomeriggio i Gunners vincono il derby contro il Crystal Palace,orfano del tecnico dimissionario Ian Holloway, e mantengono la vetta solitaria della classifica. Anche in una delle gare meno brillantifinora disputate, gli uomini di Wenger riescono a portare a casa tre punti fondamentali per mettere pressione alle inseguitrici e continuare a sognare il titolo. La squadra del nord di Londra sembra ormai matura per il tanto atteso salto di qualità e partite come questa sono fondamentali per il raggiungimento dell’obiettivo finale. La gara del Selhurst Park sembra potersi mettere subito in discesa per l’Arsenal, ma il buon possesso palla non produce vere occasioni da gol. Nella ripresa succede di tutto. Prima Arteta trasforma il penalty del vantaggio, poi si fa espellere per fallo da ultimo uomo su Chamakh. I Gunners in 10 arretrano il baricentro ma rischiano solo con la traversa di Ward. Ramsey capisce che bisogna chiudere la pratica e così, con una giocata delle sue, serve un assist al bacio a Giroud che di testa deve solo depositare in rete.Nel big match della domenica tra Chelsea e City sono i padroni di casa a spuntarla nei minuti di recupero grazie ad un gol di Torres. I Blues dominano il primo tempo con un Nino protagonista nel bene e nel male: prima si divora clamorosamente un’occasione a tu per tu con Hart, poi serve l’assist vincente per il vantaggio di Shurrle e infine coglie la traversa con un tiro a giro alla Del Piero. Nella ripresa però la reazione dei Citizens è vemente e si concretizza con il pari del Kun Aguero. Con il punteggio in parità la gara sembra potersi avviare verso i titoli di coda senza ulteriori sussulti, ma nel primo minuto di recupero succede l’imprevedibile. Su un lancio innocuo di Willian, Nastasic e Hart si scontrano dando il via libera a Torres che può mettere in rete senza problemi. Il Chelsea vince e torna a -2 dall’Arsenal, Mourinho in estasi si lancia tra i tifosi che, dopo due anni di trionfi europei, continuano a sognare la Premier.Non perde terreno neanche il Liverpool della premiata ditta SaS, che stravince in casa contro il West Bromwich. La coppia gol più in forma d’Europa cala un poker che esalta Anfield e permette ai Reds di continuare a volare alto. Suarez è devastante e segna il suo primo hat-trick davanti ai propri tifosi mostrando tutto il suo straordinario repertorio: slalom fra tre,tunnel e diagonale vincente per la prima rete e due colpi di testa per sigillare la tripletta. Morrison cerca di riaprirla su rigore ma uno straordinario pallonetto di Sturridge chiude i giochi a 15 dalla fineconsolidando il primato in vetta alla classifica marcatori.

IL TOTTENHAM PASSA CON IL MINIMO SFORZO, LO UNITED FATICA MA VINCE – Vince di rigore il Tottenham di Villas Boas, che si sbarazza dell’Hull City grazie al penalty di Soldado. Gli Spurs conquistano i tre punti necessari per rimanere in scia alle prime pur non giocando un gran calcio, ma grazie alle giocate dei suoi talenti riescono a venir fuori da una situazione che stava diventando complicata. Il gol dell’ex Valencia arriva, infatti, a dieci dalla fine e permette ai suoi di mantenere il quarto posto solitario.Le favole di Southampton ed Everton piano piano si stanno trasformando in realtà, con le due squadre che continuano a vincere e a mostrare un gioco convincente e solido. I Saints si sbarazzano del Fulham già nel primo tempo grazie ai colpi di testa di Lambert e Rodriguez, continuando a non subire gol e mantenendo la migliore difesa della Premier. Stesso risultato per i Toffees, che passano a Birmingham contro l’Aston Villa. Lukaku apre le marcature segnando il suo quinto gol stagionale e Osman consolida il risultato con un tiro dal limite. Per le due squadre, ora al quinto posto, iniziare a puntare in alto è quasi d’obbligo.Vince ma continua a non convincere lo United di Moyes, che si salva in rimonta contro lo Soke City. Gli ospiti si portano subito in vantaggio con Crouch a cui risponde Van Persie, ma prima dell’intervallo è una punizione di Arnautovic a riportare meritatamente avanti i Potters.Con l’ingresso di Januzaj, Valencia ed Hernandez i Red Devils iniziano a far intravedere un’idea di gioco che fino a quel momento era mancata completamente. Finalmente si cominciano ad usare le corsie laterali e ad attaccare gli spazi e la gara cambia la sua inerzia. Rooney pareggia con un colpo di testa da calcio d’angolo e il Chicharito sigla, sempre di testa, il gol del sorpasso su cross di Evrà.Lo United prende ancora una volta tutta la posta in palio senza meritare, in attesa di una svolta concreta e repentina che faccia rivedere in campo quella squadra schiacciasassi che incantava l’Europa.

NEL DERBY BORINI REGALA LA PRIMA GIOIA AL SUNDERLAND – Il Sunderland trova finalmente la prima vittoria stagionale e lo fa aggiudicandosi il Tyne-Wear Derby, uno dei più sentiti della Premier. Contro il Newcastle i Black Cats partono subito bene trovando il vantaggio con Fletcher ma vengono ripresi ad inizio secondo tempo dal gol di Debuchy. Poyet mette dentro Boriniche cambia subito il volto della gara e segna la rete che fa esplodere il Britannia Stadium con un bel tiro dal limite.Pareggi senza retinelle altre due gare. Lo Swansea non riesce a capitalizzare il gioco espresso e raccoglie solo un punto dalla sfida con il West Ham. Norwich e Cardiff, invece, smuovono leggermente la propria classifica ma perdono un’occasione importante per uscire dalle zone basse.

Potrebbe interessarti