Qatar 2022: Germania ko all’esordio! Il Giappone vince in rimonta 2-1

Il Mondiale del Giappone inizia con una rimonta

0 Shares

GERMANIA-GIAPPONE 1-2
33′ Gundogan; 75′ Doan, 83′ Asano

Impresa del Giappone che batte clamorosamente la Germania nella prima sfida del girone E. Ai tedeschi non basta un buon primo tempo, ma dopo 70 minuti di quasi dominio totale, subiscono la rimonta dei nipponici, grazie anche ai cambi adoperati dal mister Moriyasu. Continua la maledizione mondiale per la Germania, che adesso è costretta a vincere con la Spagna, per non rischiare in un’incredibile eliminazione ai gironi, dopo quella del 2018.

Buon inizio del Giappone, che sorprende i teutonici con un pressing feroce. Dopo 7 minuti, recupero a centrocampo degli asiatici, partenza in contropiede che porta al gol di Maeda. Tutto inutile, il centroavanti giapponese era in fuorigioco. Fatica ad uscire la Germania, che si fa vedere per la prima volta dopo 16 minuti con un colpo di testa di Rudiger, fuori di poco. Dopo 20 minuti doppia occasione per i tedeschi, conclusione da fuori area, risposta di Gonda e da pochi passi Gundogan calcia alto.

Alla mezz’ora prima svolta della gara, gran passaggio di Kimmich per Raum in area, Gonda in uscita stende il terzino e l’arbitro assegna il calcio di rigor per la Germania. Dal dischetto Gundogan non sbaglia e la Germania passa in vantaggio. Inizia il dominio dei tedeschi, che provano a chiudere la gara, peccando sempre di precisione.

Al 45esimo grande occasione per Musiala, che calcia dall’interno dell’area di rigore ma non riesce a centrare la porta. Nel recupero Havertz segna su una corta respinta di Gonda, ma il VAR annulla tutto per il fuorigioco dell’attaccante. Ultima occasione della prima frazione di gioco per il Giappone, sempre Maeda il più pericoloso con un bel colpo di testa che termina fuori.

Nella ripresa, riparte meglio la Germania, e sfiora subito il raddoppio con Gnabry, che colpisce la traversa da una buona posizione. Risponde il Giappone con Kamada che va vicino al pareggio con un tiro dall’interno dell’area di rigore, si salva la Germania con una deviazione in calcio d’angolo. Stavolta si rendono pericolosi i tedeschi, con una serie di occasioni nel giro di 5 minuti, prima una grandissima azione di Musiala, che salta mezza difesa nipponica ma calcia male, dopo con Gundogan, che va vicino alla doppietta personale ma centra il palo. Al 70esimo tripla occasione per i teutonici, ci provano Hofmann e 2 volte Gnabry, ma Gonda risponde presente con delle grandi parate.

Pochi minuti dopo il Giappone spreca clamorosamente la più grande occasione della sua partita. Ito in area calcia a botta sicura, ma Neuer compie un miracolo e salva i suoi, sulla respinta, a porta vuota, Sakai non riesce a centrare la porta da pochi passi. I nipponici adesso ci credono, ed entra in campo Minamino, attaccante del Monaco. Subito il nuovo entrato mette in mezzo un pallone pericoloso, corta respinta di Neuer sulla quale il più lesto è Doan, che a porta vuota non sbaglia. Parità ristabilita e tutto da rifare per la Germania. Momento d’oro per il Giappone, che passa clamorosamente in vantaggio a meno di 10 minuti dalla fine. Lancio dalle retrovie per Asano, grandissimo stop dell’attaccante che davanti a Neuer non sbaglia. Nel maxi recupero di 7 minuti, la Germania va vicino al pareggio con Goretzka, che dal limite dell’area non riesce a centrare la porta. Non c’è più tempo e la sfida termina con la vittoria del Giappone, che vince contro tutti i pronostici

Avatar
Davide Gerace

Europa League