Tutto il calcio di Serie A, B, Champions League, Europa League e calciomercato. Le notizie su MotoGP, Formula 1. Foto e video di sport

Road to Russia: Diego Perotti, sulla strada dei Mondiali 2018?

L’attaccante ha ritrovato la Nazionale a pochi mesi dal Mondiale, ma spera di esserci

Figlio d’arte, cresce inizialmente nelle giovanili del Boca Juniors ma ben presto si trasferisce al Deportivo Morón dove debutta in prima squadra nel 2006. La carriera di Perotti, d’altronde, prometteva bene sin dall’età più verde: basti pensare che a 19 anni ancora da compiere il Siviglia di un certo Monchi lo visionò e decise di portarlo immediatamente a casa dal Deportivo Moròn, squadra argentina dove Diego aveva mosso i primi passi. Dopo un paio di anni di apprendistato in Segunda Divisiòn con l’Atletico Siviglia, la squadra ‘B’ degli andalusi, spicca il volo ed entra a far parte della prima squadra. In poco più di 24 mesi, Siviglia è ai suoi piedi. I migliori club europei si fiondano sulle sue tracce ma Monchi resiste e decide di tenerlo con sé anche nell’estate del 2011, quella in cui Perotti pare più vicino all’addio.

Da quel momento in poi, per il ‘Monito’ inizia un inferno fatto di tanta infermeria e pochissimo calcio giocato. Gioca poco e in accordo con la società decide di fare ritorno in Argentina. Il 4 febbraio 2014 si trasferisce in prestito al Boca Juniors. Fa il suo esordio con la maglia degli xeneizes il 23 febbraio in occasione della vittoria casalinga contro l’Estudiantes. Ma a causa dell’ennesimo infortunio chiude questa parentesi argentina con appena 2 presenze e 0 gol.

Il 30 giugno 2014 effettua a Genova le visite mediche, in attesa di firmare il contratto che lo legherà alla squadra italiana del Genoa. Dopo due stagioni giocate ad alti livelli, il 1º febbraio 2016 approda alla Roma. In giallorosso Perotti colleziona 94 presenze e 22 reti, diventando uno dei giocatori più importanti della rosa. Quella stessa importanza che Diego spera di poter avere anche tra qualche mese nella testa di Sampaoli per coronare il suo sogno di disputare un Mondiale con la maglia della propria nazionale.

Il suo esordio con la Nazionale avviene il 14 novembre 2009 quando viene convocato dal CT della nazionale argentina Diego Armando Maradona per un’amichevole contro la Spagna. In questa occasione fa il suo esordio all’83esimo subentrando a Lionel Messi. Nell’ottobre 2017, dopo più di sei anni dall’ultima partita, torna in nazionale venendo convocato dal CT. Jorge Sampaoli per le due amichevoli in programma l’11 e il 14 novembre, rispettivamente contro Russia e Nigeria.